Tigers, la testa è nei playoff, il derby va nella Perla

Dolphins più decisi, i 2 punti necessari ai riccionesi per centrare i playoff.
Villanova onora la gara e applaude il rientro di Tomasi (ma senza Gnoli e Buo), in attesa degli accoppiamenti postseason

I Tigers non hanno nulla da chiedere a questo recupero della quarta giornata di ritorno, Riccione si gioca le chance di catturare l’ultimo posti disponibile per i playoff. E le motivazioni nello sport contano eccome.
Così i Dolphins sono sempre con la testa nel match, i Tigers vanno ad intermittenza, e specie in difesa sono permissivi.

E pensare che i padroni di casa partono forte. Zannoni fa subito un gioco 2+1, e la tripla del 6-0. Risponde Bomba dall’arco (e sarà una costante di tutta la gara). Accorcia Calegari, poi 4 punti di Frigoli per il 10-5. La tripla di Solazzi segna la riscossa di Riccione che prende il primo vantaggio con Solazzi (10-12) a 5”22. Due comete di Bomba e Gardini fanno lievitare il vantaggio ospite (16-24), entra Bartolucci e difende bene, Buo risponde dall’arco ma anche Gardini segna da 3. Punteggio alto: 23-29.
Schiaccione di Sabbioni in avvio ma il lungo rischia di farsi male. Zanotti segna il +10 (25-35), Buo accorcia grazie ad un assist di Tomasi (il lungo al rientro dopo un lungo stop), Zannoni fa un altro gioco da 3 (35-41). Tigers risalgono (39-44), Riccione chiama time out, Zanotti da sotto non sbaglia: 41-47.
Show di Frigoli, Buo porta i Tigers a un solo possesso di distanza (47-49) ma Amadori di tripla tiene a bada i padroni di casa. La combinazione Foiera-Frigoli vale il 50-52, Bomba esplode un’altra tripla, imitato da Gardini (54-60). T. Guiducci manda sul ferro i liberi, il fratello Filippo dall’angolo accorcia (56-66) e Zannoni chiude con una cometa che porta i Tigers sotto i 10 punti di distacco (62-70).
I Tigers si mettono a zona, Frigoli tripla del -5 (65-70), risponde Amadori, un antisportivo a Zannoni e un tecnico a Foiera mandano Riccione in lunetta. La tripla di Bomba sembra chiudere la contesa (71-83), Frigoli non vuole arrendersi (74-83). I Tigers ci provano, la cometa di Bomba baciata dal ferro è pesantissima con 3’ da giocare. Villanova ha in campo tutti giovanissimi (Giacobbi, Parri, Bartolucci, F. Guiducci), Riccione va sempre in lunetta, F. Guiducci e Bartolucci segnano triple ma è troppo tardi. Finisce 86-93.

“Da una parte c’era una squadra che cercava la vittoria a tutti costi (Riccione) per acciuffare i playoff, dall’altra i Tigers che non avevano obiettivi di classifica. – commenta così il derby il coach di Villanova Tigers, Cristian Evangelisti –  Volevamo disputare una buona gara davanti ai nostri tifosi, invece abbiamo trasformato la nostra difesa – la migliore del campionato – in un’allegra brigata. Riccione ha tanti giocatori con punti nelle mani e tiratori dall’arco, noi abbiamo davvero concesso troppo.
Forse, a livello inconscio, non siamo stati così presenti e ‘cattivi’ dietro, dove bisognava sbattersi”.
Il timoniere biancoverde volta pagina e guarda avanti. “Ora iniziano i playoff, è un nuovo torneo e serve un atteggiamento del tutto diverso. I ragazzi ne sono consapevoli.
Contiamo di recuperare gli assenti (Buo e Gnoli) e Tommasi dall’infortunio, vogliamo lavorare per migliorare e farci trovare pronti – a livello tattico, fisico e mentale – all’inizio della serie”.


Tabellino
Fast Coffee Villanova Tigers – Riccione 86-93 (23-29; 41-47; 62-70)

Fast Coffee Villanova Tigers
Zannoni 25, Frigoli 29, A. Buo 9, Foiera 13, Giacobbi, Bartolucci 3, Tomasi, Parri, T. Guiducci, F. Guiducci 7. All. Cristian Evangelisti

Dolphins Riccione San Pietro
Amadori 10, Renzi 1, Gardini 23, Gobbi, Bomba 33, Solazzi 14, Zanotti 6, Pari, Calegari 4, Sabbioni 2. All: Maurizio Ferro

La partita sarà trasmessa mercoledì 27 aprile, dalle ore 22.30 su IcaroTv (canale 18 digitale terrestre).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *